Tag

, , , , ,

Gli artisti sono una categoria “eletta” a parte, rendono il mondo per quello che è e non per quello che ci appare, colorano le sensazioni, ingigantiscono le prospettive, estraggono l’essenza delle cose.

Immaginiamo cosa possono fare otto di questi personaggi, estrapolati però dai loro mondi e catapultati in un contesto dove il tempo non è che un’opzione, dove il silenzio è solo un ricordo e lo spazio è ridotto, come obbligati sono la libertà d’azione e la visuale.

 ArtFusion non è solo la fusione di idee, colori, sentimenti, diluiti in un tempo, è la concentrazione dell’ego, la sinterizzazione del pensiero, la sintesi del”azione, la cromia del”essere, l’azione futurista come eco dell’immagine.

Dalle azioni convulse di una performance di ArtFusion nascono dei sogni, che si stravolgono e diventano incubi, l’incubo che è il pensiero che diventa realtà. Più mani costruiscono l’ossatura, i colori sono non solo la veste grafica, ma l’essenza del sentimento. L’incubo e le paure, escono fuori quasi inconsapevolmente, così come nella rappresentazione della “natura selvaggia”, dove all’esplosione dei colori, che come piante s’appropriano di ogni spazio lasciato bianco, invadendo la superficie, si contrappongono i simboli dell’ignoto, il totem, la morte, il pericolo simboleggiato dalla tigre, e in basso in uno spazio quasi immacolato dei minuscoli esseri umani, una tribù soggiogata dalla natura, che si appresta a qualche atavico rituale magico.

In questo dipinto a più mani, esce l’immaginario del futuro, la natura che si riappropria del suo regno e l’uomo succube del suo ego, relegato ai margini lasciando che il suo destino finalmente si compia.

Annunci