Tag

, , , , , , ,

Accomuno la televisione con la più pericolosa delle droghe, dove noi volenti o nolenti ne siamo gli ignari utilizzatori.

Uno stupefacente dunque, che se presa a piccole dosi dà assuefazione, ma se presa in dosi massicce provoca la morte per overdose. Ovviamente non è la morte fisica cui mi riferisco, ma a quella della mente, del pensiero, dell’introspezione, e della logica.

Seduti davanti alla tv, ci è iniettato nelle vene a nostra insaputa, il D.N.A. del futile.

La maggior parte di noi assimila e poi rigetta il tutto, ma quello che più mi deprime, è lo strascico che poi ne rimane.

Indifferenza, tedio, distacco, e quello che è peggio l’abitudine.

Overdosati da violenza, maleducazione, dal sesso, oramai i nostri occhi sono saturi dal vedere, così pure le nostre coscienze, zeppe d’indifferenza. Guardare la tv non è un male in se stesso, è come si guarda.Guadare la tv può essere uno svago, dipende da come si vede.

La tv è veicolo di cultura e informazione, ma dipende da chi la fa, o da chi ne ha il potere.

La tv è bella, utile, istruttiva, molte volte soporifera, distruttiva, diseducativa, inutile.

Della tv ne faccio volentieri a meno, ma se non ci fosse…come sarebbero istruite ed educate le masse?

Primo strumento d’informazione e ora congegno di plagio, finzione, manipolazione mentale, nebbia psichedelica che separa da una realtà sempre più lontana, una droga legalizzata ad arte, che crea e disfa, che costruisce false verità e dipinge una pseudo – realtà sintetica ma così concreta da sembrare vera, l’identificazione, il mito con gli eroi un di nuovo vangelo dalla regole ferree, dai dogmi consolidati, e dei nuovi che dei seduti su un Olimpo di menzogne, gozzovigliano tra vizi e depravazioni, mentre il mondo reale và in vacca.

Mentre la libertà viene tacciata dal potere, una nuova forza anarchica stà estendendo il suo dominio, internet è la nuova libertà per tutti, che spero non venga fagocitata a sua volta, da un sistema che tutto divora e che restituisce come escremento fumante pronto al consumo di massa.

Annunci