Tag

, , , ,

Per chi scrive, cimentarsi nella stesura di una poesia in dialetto è un compito arduo, perché il dialetto non si insegna a scuola, quindi ciò che si impara è spesso frutto di esperienze casuali e personali; dai nonni con le loro filastrocche, ai vecchi che frequentano le antiche “ostaïe” dei vicoli, dagli operai di vecchio stampo che usano come idioma solo il dialetto, ai “trallalero” che si sentono cantare ancora dai quei pochi gruppi folkloristici rimasti. Se il parlare in dialetto è già di per se stesso difficile (e intendo il dialetto corretto, quello senza contaminazioni da italiano e altre inflessioni), risulta ben più arduo scrivere.

Il dialetto genovese è una “lingua” vera e propria, come affermava il grande Govi (il genovese è la lingua l’italiano è il dialetto), un mix di francese, arabo, latino, turco, armeno e portoghese, tutti vocaboli “importati” da quelle terre lontane e frutto di scambi culturali.

Per potere rendere più simili i suoni delle vocali si è ricorso ad accenti, dieresi, a dittonghi, che solo un orecchio esperto e una ancora ben più dotta lingua, sa riconoscere e tradurre su carta.

Mi ritengo orgoglioso (spero mi si perdoni questa vanità), quando posso scrivere finalmente nella mia lingua madre o dialetto che dir si voglia, esprimendo così un altro lato della mia personalità, quello più vivo, più genuino, schietto e a volte impertinente, che solo il proprio idioma nativo può finalmente svelare.

Figge.

Figge de bonn-a famiggia

figge che nisciun se ê piggia.

Figge che g’an o galante

ma solo su l’ é benestante.

Figge amasccionæ

che te rian pè derê,

figge da o muro bõn,

ch’o pa quello de un lion.

Figge che pàn dosci comme o succòu

da pociaghe o pan comme in tò tòcco,

Figge co-i cavelli a-o vento

che cangiân de omô, comme cangia o tempo.

Bocca da baxi e cû da…baxin,

mëgio i amixi e’n gotto de vin.

Feggie che an bevio l’ægua da meua

e figge che te puntan o cotello a-a goa,

figge de na moæ sola e de cento poæ,

meno ghe ne fise, invece ciò ghe n’é.

Ghe son figge da maiâ

e quelle da lasciâ stâ,

figge belle comme de stelle,

che fa ciæo comme ciæbelle,

figge da impile solo de baxi,

e quelle che invece “no ti me piaxi”.

Figge che mostra u cû comme a faccia,

e figge bonn-e comme a fugassa,

ma sei quelle che fan giâ tutto

e senza de viatre o mondo o l’è brutto.

RVassallo 15/09/2013