Racconto breve – La morte sorride a tutti

Tag

, , , , , ,

Con questo breve racconto, si conclude la prima parte di una serie di storie, basate sia su fatti reali e vicende vissute.

In quest’ultimo episodio, ho affrontato anche il “tema poliziesco”; in una New York immersa nel suo weekend, tre personaggi; la bella, il buono e il cattivo, viaggeranno tra i ricordi e la realtà, fino a sfociare nella tragica quotidianità di un fine settimana di sangue.

Buona Lettura.

LEGGI IL RACCONTO

La morte sorride a tutti

La morte sorride a tutti

Gioco di ruolo – racconto breve

Tag

, , , , ,

Povertà e noia, soldi, sesso e ricatti, legano i tre protagonisti di questo racconto breve, in un turbinio di situazioni al limite del paradossale che si snodano veloci sul finire di un tranquillo weekend e mentre la storia prende una sua strada inaspettata, il dramma inevitabilmente sfocia nella sua naturale crudezza, senza più una via d’uscita.

LEGGI IL RACCONTO

Racconto breve "gioco di ruolo"

Racconto breve “gioco di ruolo”

La noia – racconto breve

Tag

, , , , ,

Cosa succede in una coppia quando dopo anni di convivenza la noia prende inevitabilmente il posto di ciò che l’amore ha lasciato, quanto i gesti, le parole gli affetti sono soltanto lontani ricordi e la quotidianità ha reso sterile anche il solo guardarsi.

Cosa succede se un bel giorno accade un’imprevisto e per una notte tutto si mescola e viene rimesso in gioco?

lo scopriranno presto Ivana e Gino, coppia assuefatta da anni di routine che all’improvviso si vedranno catapultati in una situazione identica per entrambi, ma con risvolti e finali differenti.
Quando l’avventura è vista attraverso gli occhi di una donna e di un uomo.

Clicca sul link per leggere il racconto

La noia

La noia

Racconti brevi: La storia di Mario

Tag

, , , ,

Premessa.

L’universo che vive al di fuori del nostro mondo perfetto è così variegato, pulsante e pieno d’imprevisti, che a volte ci mette paura, tanto che preferiamo la calma routine di una noiosa esistenza, a una vita piena d’incognite ma sicuramente meno monotona.

La storia racchiusa in questo “racconto breve”, segue questo iter; è un racconto di normale quotidianità, ma che a un certo punto è scossa da eventi eccezionali, che in bene o in male, cambierà il corso degli eventi.

Mario è solo una vittima di se stesso, del mondo che si è creato attorno e dentro il quale sopravvive, circondato dalla sua quotidianità che lentamente lo divora rendendolo prima vittima e poi carnefice ma di se stesso.

Se gradisci leggere il racconto clicca sulla copertina sotto. Buona Lettura.

La storia di Mario

Copertina del breve racconto “La storia di Mario”

7 Ragioni per continuare a vivere

Tag

, , , ,

La vita, a volte sembra decisa a toglierci ogni ragione per continuare a vivere, ma è un po’ come il gioco del gatto col topo, e non è detto che sia sempre il gatto a vincere.

Non tutto dunque è dato per scontato e anche nei momenti più bui e in quelli dove apparentemente non sembra esserci una via di uscita, una scappatoia c’è sempre… e siamo noi, basta solo avere il coraggio, l’audacia di prendere una decisione.

Ti regalo un libro

Tag

, , ,

Yerek Ashkari Kirke

Yerek Ashkari Kirke

Ti regalo un libro, non è solo un titolo o un gesto che vuole essere gentile e non è neppure un modo per diffondere il proprio messaggio, ti regalo un libro è come una barchetta di carta alla deriva in mezzo all’oceano, che non sa se arriverà mai a destinazione, dato che la sua meta troppo vasta.

Per invece vorrà leggere le pagine di questo racconto “Yerek Ashkari Kirke”, auguro di passere assieme a lui dei lieti momenti.

Per scaricare il libro “Yerek Ashkari Kirke” seguire i due link sottostanti

Download versione per Kindle   –   Download versione per Mobi

Il libro ha, come autore, chi lo legge e non lo fa morire.
(Marco Ercolani)

La sfilata dell’ipocrisia

Tag

ParigiSfilata

Tutti uniti, tutti in marcia, tutti a dimostrare contro il bieco terrorismo islamico; tutto molto solenne, sennonché coloro che marciavano dandosi il braccio e ostentando aria di circostanza, erano proprio quelli che in nome della democrazia e della libertà (di quale poi è ancora da appurare), si sono resi colpevoli di azioni ben più deprecabili.

E allora in questa sfilata dell’ipocrisia, il solo Obama per una volta è stato coerente con la sua politica, non presenziando.

La mia libertà finisce dove comincia la vostra – Martin Luther King.

Liberté, Égalité, Tuer…Ce ne est pas ma guerre

Tag

, ,

Fuck the systemQuante possono essere le formiche in un formicaio…migliaia, milioni…miliardi? E quante di loro subiscono senza fiatare, quante di loro si lasciano guidare perché quello è il loro destino, milioni, miliardi…

Se una sola di loro si fermasse a gridare “io non ci sto più”, chi mai l’ascolterebbe. Io mi sento come quella piccola formica che vuole ribellarsi al suo destino e che fermandosi grida: “io non ci sto più”.

Nessuno l’ascolterà mai, ma lei griderà ancora più forte finché il silenzio dell’apatia non le chiuderà la bocca per sempre.

Se il branco vuole la guerra, non è detto che tutti si debba acconsetire o tacitamente dissentire.

Basterebbe solo gridare più forte e battere i piedi per farsi sentire, ma bisognerebbe essere in tanti, tutti quelli di quella maggioranza silenziosa a cui non è dato parlare, a cui non è concesso esprimersi e che se solo volesse, potrebbe rovesciare il mondo.

Liberté, Égalité, Tuer…Ce ne est pas ma guerre.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 332 follower