Tag

, , , ,

L’arte nella sua forma più pura come sublimazione della morte ha la sua espressione più autentica nei cimiteri, a volte veri e propri musei all’aperto dove, però il degrado e l’incuria sono gli unici guardiani di queste opere d’arte. Un esempio per tutti il cimitero di Staglieno a Genova. Il cimitero monumentale di Staglieno è il maggiore luogo di sepoltura di Genova ed è uno dei cimiteri monumentali più importanti d’Europa.

È situato nella Val Bisagno, nel territorio del “Municipio IV – Genova Media Val Bisagno”, comprendente il quartiere di Staglieno.
Vi sono sepolti figli illustri del capoluogo ligure e altri personaggi famosi tra i quali uno dei padri della Patria italiana, Giuseppe Mazzini, il presidente del Consiglio e partigiano Ferruccio Parri, il compositore della musica dell’Inno d’Italia Michele Novaro, numerosi garibaldini tra i quali Antonio Burlando ed altri che fecero parte della spedizione dei Mille (un campo è a loro dedicato), l’attore Gilberto Govi, il cantautore Fabrizio De André, il pittore Federico Sirigu, la scrittrice Fernanda Pivano, il poeta Edoardo Sanguineti, Constance Lloyd (moglie di Oscar Wilde), Nino Bixio e Stefano Canzio.

Per la vastità dei suoi imponenti monumenti funebri è considerato un vero e proprio museo a cielo aperto. Le numerose statue funerarie e cappelle – opere prevalentemente di scultori genovesi – sia pure costruite in stili differenti, restituiscono all’insieme del complesso un importante valore sotto l’aspetto dell’architettura e scultura funebre.

 Poesia e fotografia descrivono questi stati, leggi il mio e-book gratuito “La metropoli silente”

Annunci